LIBRERIA PALAZZO ROBERTI

PalazzoRoberti_logo

Bassano del Grappa (http://www.bassanodelgrappa.gov.it/) è una cittadina incantevole, ma da lettrice seriale quale sono, una delle sorprese migliori che questo luogo mi abbia offerto è stata una libreria indipendente sensazionale, la Libreria Palazzo Roberti (http://www.palazzoroberti.it/).

Passeggiando per le vie del centro, senza una meta ben precisa, mi sono imbattuta in una piccola vetrina agghindata di tutto punto con libri di un certo livello. Cercando l’ingresso a questa libreria, che sembrava decisamente rispondente alle mie esigenze, mi sono accorta che di vetrine dalle stesse fattezze ce ne erano altre e, alzando lo sguardo, ho notato che l’intero palazzo sembrava essere destinato ad un’unica libreria. Un palazzo nobiliare settecentesco, sulla parete frontale del quale è anche esposta, in tutta evidenza, una lapide a testimoniare che lì soggiornò niente poco di meno che Napoleone Bonaparte, durante la sua Campagna d’Italia tra il 1796 e il 1797.

Chiaramente la mia curiosità si è accesa come un fiammifero e non ho esitato ad entrare in questo “paese dei balocchi” che mi invitava, in modo decisamente accattivante, ad esplorarlo per inebriarmi di bellezza. L’emozione è stata unica nel rendermi conto che lo spazio interno era persino più grande delle mie congetture ed articolato in nicchie e corridoi intriganti che stimolavano la curiosità, così come in enormi spazi a doppio volume che permettevano di inspirare a pieni polmoni il nobile profumo della conoscenza e della riflessione.

Ho scoperto, in seguito, che il bellissimo palazzo appartiene alla famiglia Manfrotto che, dal 1998 a tutt’oggi, gestisce l’attività svolta al suo interno.

Sicuramente non mi è mai capitato di imbattermi in una libreria indipendente di tale portata e dimensione. Essa si sviluppa, infatti, in ben tre piani e oltre sessantamila libri!

Al piano terra e nel mezzanino è stata allestita la mostra di libri, mentre nel piano nobile – che comprende alcune stanze ed un salone il cui restauro ha permesso di riscoprire splendidi affreschi della scuola del Tiepolo – vengono organizzati incontri con gli autori, mostre fotografiche, concerti e conferenze che danno impulso ad una vivace attività culturale.

E’ evidente una grande attenzione alle novità letterarie, così come una certa cura rivolta alla scelta dei titoli più interessanti, ma un aspetto che mi ha colpito molto è stata l’attenzione rivolta alla clientela dai responsabili di ciascun settore e reparto in cui l’assortimento è stato organizzato che, con gentilezza, competenza e professionalità, si impegnavano a rispondere a qualsiasi tipo di esigenza. Essa, infatti, denuncia l’intenzione dei proprietari di portare avanti la classica tradizione libraria italiana, fatta di passione e competenza e ben lontana dalla spersonalizzazione tipica delle librerie di largo consumo, in cui pare che l’unico vero referente sia ormai diventato il computer che, come si sa non dispensa ne sorrisi, né tanto meno consigli fantasiosi (della serie, speriamo che non ci ostacoli mai un guasto tecnico o non potremo trovare libri per scoprire come risolverlo!).

Se si accede alla libreria dal portone centrale, ci si imbatte in un grande bancone di legno che accoglie, al suo interno, una o più persone addette alla cassa e a fornire informazioni, ma, allungando lo sguardo, si scorge immediatamente una florida fioritura di libri che spuntano da ogni dove e una grande porta finestra, speculare all’ingresso, che prolunga la nostra vista all’interno di un giardino, lasciando intendere che ci sarà, a nostra disposizione, anche un luogo d’incanto, in mezzo alla natura, per sfogliare gli amati libri appena colti.

Il primo impatto, quindi, è su un luogo a doppio volume in altezza, ampio e luminoso, denso di sorprese da scoprire e di spazio, che nella nostra percezione diventa anche temporale, dove riappacificarci con i nostri pensieri.

A destra e a sinistra si aprono diverse stanze più piccole dove si organizzano i più svariati settori e reparti, da quello dei libri per l’infanzia a quello dei libri in lingua straniera.

Al piano superiore si assiste più o meno alla stessa divisione anche se in altri settori, con un piccolo Ponte – terrazza, a collegamento delle due ali opposte, che permette di affacciarsi sul salone d’ingresso principale e godersi la sua maestosità anche dall’alto.

Non manca neppure un reparto per soddisfare i feticci che ogni buon lettore tende a possedere e le necessità più varie di chicchessia per la scuola, l’ufficio o i regali. Esso è interamente dedicato alla cartoleria, con una selezione di marchi di prestigio e permette di riassaporare quel favoloso profumo di carta e stampa che conoscete bene e di cui credo nessuno di noi possa fare a meno!

Gli scaffali che rivestono, come una “seconda pelle”, quasi ogni parete del palazzo, sono di legno e, in molti casi, è possibile estrarre dalle loro “pance” dei pannelli su cui appoggiare i libri che si dispongono al nostro vaglio più attento, per essere o meno sorteggiati come i più rispondenti alle nostre esigenze.

Il calore tipico del legno ci accompagna anche dai soffitti, attraversati da una svariata moltitudine di travi e, a fargli da contraltare, in accordo con un’atmosfera rilassante, c’è un colore tenue spalmato sulle uniche frazioni di parete rimaste in muratura. I bellissimi pavimenti alla veneziana, i marmi e gli stucchi veneti sono accompagnati da dettagli molto curati, come quelli che caratterizzano le scaffalature e le illuminazioni scelte e, in alcuni ambienti, vengono ricostruiti, senza scadere nell’artificio, arredi domestici e lavorativi che, culturalmente, siamo portati a ritenere i più adeguati per ambientare l’allenamento dei nostri pensieri.

Le riflessioni e il rilassamento, mentre ci immergiamo tra le pagine dei nostri nuovi incontri letterari, sono poi agevolate da una musica delicata ed elegante in sottofondo, sapientemente scelta per non urtare in alcun modo la nostra sensibilità e anzi amplificarla verso confini sconosciuti ed intriganti. Insomma le tre sorelle Manfrotto, Lavinia, Lorenza e Veronica, insieme ai loro validi collaboratori, ci offrono il lustro di avere in Italia una delle librerie più belle è meglio organizzate al mondo, che dovete assolutamente visitare al più presto perché, vi assicuro, è un sogno ad occhi aperti, un piacere intenso, un regalo che dovete proprio farvi!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: